Home Normative normative Il Medico e le fatture per prestazioni professionali

PostHeaderIcon Il Medico e le fatture per prestazioni professionali

Proviamo a fare chiarezza per quanto concerne alla fatturazione da parte del Medico relativamente  alle diverse tipologie di prestazioni che egli può rendere in ambito professionale.

1) Per prestazioni  rese non in ambito sanitario (non mediche), come ad esempio per collaborazione professionale (relazione scientifica, docenza, organizzazione di eventi, pubblicazioni, ecc.) nella fattura occorre sommare l'IVA al 21% e sottrarre la Ritenuta d'acconto del 20%;

2) Per quanto riguarda le fatture emesse per una visita medica ad un paziente non titolare di partita IVA sono esenti da iva;

3) Se la fattura viene emessa per il rilascio di un certificato medico: a) va assoggettata ad iva se non è strettamente funzionale allo stato di salute del paziente, ma inerisce a fini amministrativi o Medico legali (certif. di invalidità, per fini assicurativi ecc.); b) è esente da IVa se è finalizzata ad attestare lo stato di salute del paziente (certif. per l'attività sportiva, di sana e robusta costituzione, ecc.);

4) Se invece le fatture sono emesse nei confronti di un sostituto d'imposta ossia persona fisica o società con partita iva e rigurdano sia certificati che prestazioni mediche sono da assoggettare alla ritenuta d'acconto.

Ultimo aggiornamento (Domenica 08 Luglio 2012 17:24)

 
Notizie flash
diffusa la circolare applicativa del decreto Lorenzin
Carissimi,
è stata diffusa la circolare applicativa del Decreto Lorenzin, a seguito delle critiche e dei rilievi mossi da tutti noi.
Di seguito vi anticipo alcuni punti, mentre vi invio in allegato la circolare che potrete leggere per intero:

Le sanzioni vengono sospese nella fase sperimentale che sarà a carico delle regioni e prevederà oltre all’adeguamento informatico anche la rilevazione delle criticità applicative che saranno discusse.

Chiarita anche la questione “specialista” ovvero per le prestazioni ove è prevista la prescrizione specialistica si intende prescrizione sul ricettario SSN dello specialista.

Ove lo specialista non fosse abilitato alla prescrizione dovrà specificare sulla prescrizione bianca nome cognome cod fiscale n. iscrizione all’ordine solo allora il medico di famiglia potra’ trascrivere la ricetta barrando la S e indicando tali dati sull’impegnativa

  Nella fase sperimentale non occorrera’  specificare la nota ma un quesito diagnostico attinente alle prescrizioni del decreto.

Quando si è tutti uniti qualcosa può ancora cambiare,come potete constatare.

Auguri di felice Pasqua a tutti voi ed alle vostre famiglie.
Saverio Annunziata