Home Normative normative Il Medico e le fatture per prestazioni professionali

PostHeaderIcon Il Medico e le fatture per prestazioni professionali

Proviamo a fare chiarezza per quanto concerne alla fatturazione da parte del Medico relativamente  alle diverse tipologie di prestazioni che egli può rendere in ambito professionale.

1) Per prestazioni  rese non in ambito sanitario (non mediche), come ad esempio per collaborazione professionale (relazione scientifica, docenza, organizzazione di eventi, pubblicazioni, ecc.) nella fattura occorre sommare l'IVA al 21% e sottrarre la Ritenuta d'acconto del 20%;

2) Per quanto riguarda le fatture emesse per una visita medica ad un paziente non titolare di partita IVA sono esenti da iva;

3) Se la fattura viene emessa per il rilascio di un certificato medico: a) va assoggettata ad iva se non è strettamente funzionale allo stato di salute del paziente, ma inerisce a fini amministrativi o Medico legali (certif. di invalidità, per fini assicurativi ecc.); b) è esente da IVa se è finalizzata ad attestare lo stato di salute del paziente (certif. per l'attività sportiva, di sana e robusta costituzione, ecc.);

4) Se invece le fatture sono emesse nei confronti di un sostituto d'imposta ossia persona fisica o società con partita iva e rigurdano sia certificati che prestazioni mediche sono da assoggettare alla ritenuta d'acconto.

Ultimo aggiornamento (Domenica 08 Luglio 2012 17:24)

 
Notizie flash
Ricetta elettronica e management del paziente diabetico nel nuovo AIR

Carissimi,

nell’affollatissima riunione tenutasi giovedi 12 presso la sede del nostro sindacato, è stato fatto il punto sugli aspetti salienti del nuovo AIR ed in particolare, con l’Ing. Mario Palermo, è stata ulteriormente definita l’operatività della ricetta elettronica, mentre è stato illustrato il nuovo manegement del paziente diabetico, basato su una medicina di iniziativa volta a valorizzare il recupero del ruolo centrale del Medico di famiglia nella gestione di un paziente così complesso.

Per quanto attiene alla ricetta elettronica, le modalità per l’invio sono risultate abbastanza semplici. Una volta attivata la procedura biffando nel menù impostazioni, sarà necessario solo prestare attenzione nel rispettare la numerazione progressiva della mazzetta di ricette inserite nella stampante, dopo aver registrato la numerazione della ricetta iniziale. L’invio della ricetta elettronica è per ora ancora facoltativo, sapete bene che l’obbligatorietà inizierà nel 2015. Tuttavia, per quanti intendono iniziare (e noi sollecitiamo in tal senso) ad adottare la procedura, il riconoscimento economico coinciderà con l’inizio dell’invio.

Per quanto attiene alla gestione del paziente diabetico, al di là di apparenti gravosi impegni aggiuntivi, vi è da dire che una volta messo a regime il monitoraggio delle condizioni cliniche (e la parametrazione con gli indicatori di processo ed esito), tutto scorrerà in maniera più o meno automatica. Organizzeremo degli incontri formativi ed informativi sull’argomento. Per ora è necessario sapere che l’attuale utilizzo delle schede diabetologiche rimane invariato fino a fine anno (con i relativi emolumenti), mentre le nuove procedure inizieranno con il nuovo anno. Gli allegati dell’AIR relativi al manegement del pz diabetico sono ancora in corso di perfezionamento e saranno licenziati prossimamente in seno al comitato regionale ex art. 24. Essi sono 4 e precisamente:

l’allegato A è il consenso informato che va conservato dal MMG

l'allegato B prevede l'elenco dei pazienti arruolati che andrà formulato in formato elettronico e consegnato ai rispettivi distretti di appartenenza per il pagamento in dodicesimi dei 50,00 euro;

l'allegato C, invece, è la scheda individuale dove si inseriscono in autocertificazione gli obiettivi raggiunti e va consegnata al termine dei 12 mesi per il restante pagamento degli altri eventuali 50,00 euro.

l'allegato D è l'elenco dei LAP, ovvero riferimento e guida per i MMG al fine del raggiungimento degli obiettivi di gestione del diabete.

Li alleghiamo di seguito per conoscenza.

Un cordiale saluto

Saverio Annunziata